storia della nord

la curva più bella del mondo!


La nostra storia parte nel 1973 quando i tifosi biancocelesti cominciano ad avere bisogno di raggrupparsi, di avere un'identità. Cominciarono a riunirsi i tifosi più motivati e più giovani formando nel 1974 i primi gruppi: gli ULTRAS ed il COMMANDO MONTEVERDE. Questi gruppi non vengono visti di buon occhio dall'opinione pubblica e spesso rimangono emarginati dalla sud cha allora era la curva con maggior affluenza di tifo. Il nuovo modo di tifare si basava sull'uso di tamburi e fumogeni per colorare e movimentare la curva.

Con il passare del tempo nacquero molti gruppi sullo stile ultras tra cui: BRIGATE S. GIOVANNI, FOLGORE, GOLDEN BOYS, N.A.B., VIGILANTES, COMMANDOS AQUILE S. BASILIO TALENTI, TUPAMAROS, MARINES, LEOPARD e i  BOYS. Questi gruppi erano divisi tra curva sud e curva Nord, erano formati da non più di 150 elementi e per questi motivi cominciò a balenare l'idea di unirli tutti...

Dopo molte riunioni tra i capi ultras il sig. Tonino Di Vizio riuscì a mettere tutti d'accordo creando un gruppo che li racchiudeva tutti: gli EAGLES' SUPPORTERS che esordirono nel match Lazio-Juventus posizionando il proprio striscione di 54 metri in sud, sopra l'entrata dei giocatori. I rappresentanti del gruppo indossavano tutti la sciarpa degli EAGLES'  e con tamburi, bandieroni e fumogeni coloravano una curva stupenda, che fu scelta anche come immagine per la sigla di 90' minuto.

Cominciano i primi disaccordi all'interno del gruppo da cui si sciolsero un gruppo di ragazzi che fondarono un altro gruppo storico della Nord i VIKING.

Il 9-12-1979 è la prima volta degli EAGLES' in curva Nord riconosciuta come curva ufficiale del tifo organizzato biancoceleste.

Il 25 luglio la Lazio per delibera della C.A.F. è in B, i tifosi organizzano lunghi ma purtroppo  inutili sit-in sotto la sede della Lega Calcio. Quell'anno però allo stadio non mancò nessuno, LA NORD ERA SEMPRE PIENA!

Nel 1982-83 lo stile inglese si impossessò sempre più della curva, aumentarono infatti i cori all'unisono, sciarpate stupende che coinvolgevano tutta la curva, fiaccolate, fumogeni e bandiere...molte bandiere! Le trasferte in quelle annate erano stupende, il pubblico biancoceleste si muoveva in massa; un esempio ad Arezzo arrivarono in 15 mila, i giornali locali parlarono di una vera e propria invasione, la più grande di sempre.

Al ritorno della Lazio in serie A si aggiunge il ritorno del grande Giorgio Chinaglia come presidenti, rifioriscono molti gruppi ultras come: ULTRAS '74, C.M.L., FALANGE, EAGLES' KORPS e l'EROTIK GROUP. Spopola in Nord la tendenza a portare bandiere americane in onore di Long John. Si cominciano a trasformare gli striscioni dagli insulti alle frasi ironiche che centravano l'obbiettivo in maniera simpatica.

Nella stagione del -9 i tifosi della Lazio seguono la squadra in ogni trasferta in maniera massiccia, gli Eagles' arrivano al record di 3000 tesserati, si consacra il materiale propagandistico che aveva il duplice ruolo di finanziare il gruppo e le coreografie e di trasmettere il pensiero. In una partita di Coppa Italia lo stadio olimpico si colora con torce che compiono il giro completo del campo: uno spettacolo mai visto prima!

Nella stagione 1987-88 nascono gli IRRIDUCIBILI, un gruppo di 100 persone, non più giovanissimi che si pongono come obbiettivo di riportare l'autentica mentalità ultras in curva Nord. Il nome indica il NON PIEGARSI DAVANTI A NIENTE E NESSUNO!  Il nuovo gruppo esordisce il 18 ottobre in Lazio-Padova, portando subito una ventata di colore e di tifo. Molti giovani cominciarono a passare dagli Eagles' agli IRR.

I rapporti tra IRR e Eagles' non furono idiliaci, nonostante questo riuscirono ad  organizzare coreografie e striscioni come quello di 60 metri che diceva "DAJE REGA' LOTTIAMO INSIEME"

Nella stagione 1989-90 si gioca al Flaminio e la tifoseria biancoceleste diede spettacolo in molte partite con bellissime coreografie. In questo periodo nascono, a seguito di scontri tra tifosi e forze dell'ordine, le leggi contro la violenza negli stadi, nasce quindi la diffida. A seguito di queste misure gli IRR esposero uno striscione bellissimo: "DIO SALVI GLI ULTRAS", a seguito la Nord avviò una protesta con sciopero del tifo e assenza di striscioni e bandiere per 45 minuti a partita. I Lazio club si oppongono credendo di poter gestire il tifo ma il boato che si sente quando la Nord comincia ad intonare i cori la dice tutta."IL 12o IN CAMPO...MA SOLO QUANDO LO VOGLIAMO NOI!"

Gli scontri tra Eagles' e IRR sfociarono in continue risse, alla fine il gruppo storico della curva fu costretto a sciogliersi a favore del ormai più numeroso gruppo degli IRRIDUCIBILI che ottennero così l'egemonia della Nord.

Nel '95 la curva si mobilita per la prima volta per un giocatore. Il presidente Cragnotti dichiara Beppe Signori ceduto al Parma, il popolo laziale non ci sta e scende in piazza in massa. Risultato, Re Beppe viene immediatamente tolto dal mercato!!!

Nel '97 gli Irriducibili compiono 10 anni, la coreografie sono sempre tante e bellissime, ogni derby una vittoria almeno sugli spalti! Gli IRR che non erano stati mai visti di buon occhio dai media vengono bombardati in questo periodo, ma il gruppo è INFLESSIBILE!

Nel 99-00 una nuova battaglia aspetta i tifosi laziali, questa volta è contro l'agenzia di viaggi Francorosso, detentrice dei diritti sulle trasferte europee dei tifosi biancocelesti. La Nord non ci sta e combatte per avere la libertà di decidere il metodo ed il mezzo per viaggiare!

Il 9 Gennaio 2000 la curva organizza il corteo per il Centenario della società che partì da piazza della Libertà fino allo stadio olimpico.

Nello stesso anno si organizzano un sit-in ed un corteo per celebrare il "funerale del calcio" dopo l'ennesimo scudetto scippato. Sappiamo tutti come è andata a finire quello scudetto lo abbiamo vinto noi...la gente laziale! "O SPAREGGIO O GUERRA!!!"

La curva negli anni ha lottato contro molte cose e/o persone tra cui il fatto dei BUU razzisti per i quali la Lazio a pagato, come al solito, più di tutti! In questo periodo ci troviamo a lottare contro un personaggio che sta facendo solo il male della Lazio e dei Laziali, convinti che vinceremo anche questa battaglia! LOTITO VATTENE!!!

NOI CONTRO TUTTO E CONTRO TUTTI !!!

INDIETRO